Annunci

Archivi Blog

Le 30 regole FONDAMENTALI per suonare death metal!

death_metalMolti tra voi lettori si saranno chiesti chissà quante volte ‘cavolo, voglio suonare death metal, come posso fare?‘. Ok, sono qui per aiutarvi, però attenzione, non faccio il mago e non vi dico che i miei pochi e semplici consigli vi faranno diventare come Carcass, Death o Cannibal Corpse, però state certi che vi aiuteranno molto, certo anche voi qualcosa di vostro ce la dovrete mettere, ma se leggete Brutal Crush avete il fegato necessario. Leggi il resto di questa voce

Annunci

#2 This is True Metal: i dischi più cult che il metallo ci ha regalato negli anni ’80!

Visto il successone imprevisto della prima puntata (adoro questo linguaggio televisivo), sono ben lieto di presentarvi una seconda carrellata di uscite ‘cult’ degli anni ’80, dischi polverosi e sporchi, maleodoranti di pelle e borchie che la mia collezione ha ingoiato e dimenticato tra chili di polvere e ricordi andati a farsi benedire. Siete pronti? Ok, allora fatemi recuperare il mio giacchetto di jeans senza maniche con la toppona dei Tank e si parte! Leggi il resto di questa voce

Thrash metal VS black metal? I nuovi dischi di DIE HARD & DECLINE OF I!

Al mondo ce ne è di gente strana, con le sue fissazioni e manie. C’è chi ad esempio si gasa nell’attesa di un nuovo album dei Manowar. Te li vedi in mezzo alla strada, tipo i fan dei Dethklok nella serie Metalocalypse. Piangono asciugandosi le loro true-lacrime col fazzoletto in pelle di drago, mentre pregano il loro santino di Richard Benson, implorandolo di concedergli una morte vichinga. Io invece, ascoltando “War Against Christ” ad ogni festa santificata, attendo un nuovo album dei Venom. Sto aspettando quel già annunciato futuro capolavoro di Cronos. Leggi il resto di questa voce

Zeder – Italia, 1983

Chi è il più grande regista horror italiano di tutti i tempi? Pupi Avati. Chi è lo sceneggiatore italiano più geniale di sempre? Maurizio Costanzo. Che ci crediate o no, nel 1983 questa strana coppia firmó uno dei film horror più importanti della storia del genere a livello internazionale, un capolavoro che addirittura arrivó ad influenzare sua maestà Stephen King che, senza troppe vergogne, ne scippó la trama per intero dando vita a Pet Cemetery. A metà tra un horror a tinte esoteriche ed uno zombie movie, Zeder è un film unico. Leggi il resto di questa voce

MUNICIPAL WASTE: beccatevi il nuovo video!

Finalmente ritorna una delle più interessanti band thrash metal core del mondo, con tutta quell’attitudine skate & mosh che tanto ha fatto esaltare migliaia di metallari ai tempi dell’esordio. Quello che vi presentiamo è il video clip della title track del nuovo ed imminente “The Fatal Feast”, album che vedrà la luce via Nuclear Blast nei prossimi giorni. Come potrete sentire con le vostre stesse orecchie, il suono old school dei Municipal Waste è rimasto praticamente identico, con tutta l’attitudine punkettona, festaiola e pestona che li ha resi famosi ai più. Leggi il resto di questa voce

Doom or be doomed: le nuove maledizione dei figli di Iommi!

Il mio personale amore per il doom non ha certo bisogno di conferme, né parliamo di una passione recente, perciò mi perdonino i più puristi del genere se ho inserito in questa multirecensione estemporanea qualche nome che non suona proprio il più classico doom metal come Iommi insegna, ma non penso che vi dispiacerà, fidatevi. Iniziamo con un ep che secondo me diventerà entro brevissimo un culto, sto parlando del nuovo split che vede coinvolti gli immensi Lord Vicar ed i cimiteriali Funeral Circle. Leggi il resto di questa voce

SAXON: beccatevi il nuovo video!

Quanto ci è piaciuto il nuovo album dei Saxon? Tanto, anzi tantissimo! Qui a Brutal Crush, almeno tra molti di noi, è diventato un ascolto quasi quotidiano. Leggi il resto di questa voce

NUCLEAR – “Jehovirus” (Nuclear. Prod.)

Quante band hanno usato la parola ‘nuclear’ nella storia del metal? I primi che mi vengono in mente sono i mai troppo compresi Nuclear Symhony, poi mi vengono in mente i Megadeth che con la storia del nucleare ci hanno costruito almento la parte migliore della loro carriera, poi i Nuclear Assault ed ancora un altro centinaio di band sempre e comunque thrash metal. Cosa suonano i Nuclear? Del semplice ed incontaminato (è proprio il caso di dirlo) thrash metal old school come gli anni ottanta comandavano. Tu-pa-tu-pa-tu.pa a bizzeffe, riffoni piacionissimi, voce al vetriolo, testi social impegnati e tanti, tantissimi assoloni e stop’n’go. Leggi il resto di questa voce

LOCK UP: play fast or die, parola di Anton!

Intervista raccolta da Tarja Virmakari


Ci sono interviste veramente problematiche, anche se sulla carta tutto sembra dovere essere impeccabile, eventi imprevisti rendono tutto più incasinato. Inizialmente dovevamo parlare con Shane Embury, ma l’intervista è saltata. Poi con Nicholas, idem. Alla fine ‘ci ha detto culo’ che siamo riusciti a scambiare quattro chiacchiere con Anton. In altre occasioni avremmo tranquillamente evitato di ripetere più tentativi pur di concludere un’intervista, ma il nuovo disco dei Lock Up è un capolavoro così brutale che proprio noi di Brutal Crush non potevamo esimerci! Ad ogni modo, bando alle ciancie e passiamo ai fatti! Leggi il resto di questa voce

ANTHRAX: vai al bar per un aperitivo ed invece…

I pochissimi clienti del Jack Bar di Tampere in Finlandia sono stati quelli che si dice dei fortunelli. Il locale in questione, per chi non lo sapesse, è un piccolissimo rock club della capienza di un centinaio di persone al massimo, caratteristica principale la presenza di un palco con a disposizione degli strumenti per chi vuole jammare. Leggi il resto di questa voce

CRADLE OF FILTH: Winnie The Pooh ed il nuovo video di “Lilith Immaculate”!

Secondo non si sa bene quali leggende, qualcuno dice che la più problematica delle donne che il mondo ricordi, Eva, non sia stata esattamente la prima. Si narra che ancor prima della costola di Adamo, Dio creó una certa Lilith. Per non si sa quali motivo questa presunta prima donna fu scartata per diventare la compagna di Lucifero. I due sono poi andati a vivere in quel poco confortevole loft, noto perché privo di condizionatore, meglio conosviuto come l’inferno. Ecco, pochi giorni fa i Cradle Of Filth hanno presentato il nuovo video di “Lilith Immaculate”, dedica alla figura di questa puttanaccia, estratto dall’ultimo “Darkly Darkly Venus Aversa”. Leggi il resto di questa voce

UNLEASHED – “As Yggdrasil Trembles” (Nuclear Blast)

Della cara vecchia scena death metal svedese gli Unleashed sono stati una parte importante. Come dimenticare il marcissimo “Shadows In The Deep”, probabilmente l’apice della band ed una delle massime espressioni della sopra citata scena svedese che fu? Impossibile. Ricordo con altrettanta lucidità che l’ultimo disco degli Unleashed a cui mi accostai fu “Victory”, mediocre parto di una band che ormai aveva poco da dire. Da allora in poi ho seguito poco la band, se non in occasione di sporadici ascolti delle successive uscite senza mai esaltarmi. Così, per le più impensabili ragioni, oggi mi ritovo tra le mani questo “As Yggdrasil Trembles”. Che dire? Mah… Ad esclusione di qualche assolo carino che alla fine lascia il tempo che trova, qualche riff che definire scolastico è riduttivo e la sempre più ridicola attitudine fanciullesca, non penso che questo disco verrà mai ricordato da nessuno se non da qualche aficionado dei temi vichinghi, da qualche metallaro vittima di un disperato senso di nostalgia o da qualche baldraccona nostrana che si vuole trasferire in Svezia e vede nei testi di Hedlund delle buone frasette per conquistare un bel biondino di Stoccolma che cerca il piacere di un pompino mediterraneo. (Aldo Luigi Mancusi)

AIRBOURNE – “No Guts, No Glory” (Roadrunner)

Vi piacciono gli Ac/Dc? Avreste sempre voluto che la band dei fratelli Young fosse un minimo più sporca e diretta (ok gli Ac/Dc sono perfetti così, ma ragioniamo per assurdo)? Quello ce cercavate sono gli ormai stranoti Airbourne qui con un secondo disco che non delude le aspettative del fenomenale debutto! Come hanno fatto? Semplicissimo, hanno inciso lo stesso maledetto disco, ovvero riffoni rock’n’roll sparati a tutto volume, ritmi serrati ed un cantato viscerale e sanguigno. Lo so, probabilmente gli Airbourne sono la band più inutile e derivativa di ogni tempo, non lo metto in dubbio, ma non si può rimanere non contagiati dal loro groove, dai loro cori e dal loro tiro che sembra non conoscere freni. Come dicevo in apertura di recensione sono la versione più ‘cattiva’ degli Ac/Dc, ma il loro modo furbesco di prendere e rielaborare un minimo il suono immortale della leggenda australiana va premiato. Un ascolto obbligato per chiunque cerca la colonna sonora della sua folle notte fatta di alta velocità e sex no limits! (Aldo Luigi Mancusi)

OVERKILL – “Ironbound” (Nuclear Blast)

Un nuovo disco degli Overkill. Una recensione su questa band potrebbe tranquillamente avviarsi e concludersi così. Bobby “Blitz”, come al solito, ci regala un classico disco di thrash metal come solo lui sa fare. Niente fronzoli, niente soluzioni incanta struzzi, niente di niente, solo tanto sano metallo fuso old school. Unico neo, se mi si permette, “Ironbound” è spento come sono spenti tutti i dischi degli Overkill dal 1991 in poi, anno di uscita di quel capolavoro che fu “Horrorscope”, un album che insieme all’inarrivabile “The Years Of Decay” ed al furioso “Under The Influence” ha cotribuito a rendere immortale il nome della band. Questi ragazzi pistano giù di brutto, ma non c’é niente da fare, l’incipit di brani epocali come “I Hate” è ormai un lontano ricordo. Certo, se siete fan incalliti della band e già la sola voce di Blitz vi basta, non vi devo certo consigliare l’ascolto. Se, al contrario, pensate di potere tranquillamente fare a meno dei surrogati di tempi lontani, allora potete ignorare questa uscita, onesta ma pur sempre inutile. (Aldo Luigi Mancusi)