Annunci

Archivi Blog

#9 Ecchissenefrega: tutte le notizie di cui potremmo fare a meno!

seduto al cessoSiete pronti per l’ennesima vagonata di notizie di cui potevamo tranquillamente fare a meno? Leggi il resto di questa voce

Annunci

Botta e risposta – I Vomitory non ci sono più ma sul serio dobbiamo rimpiangerli?

Mi dai giudizio un critico sui loro dischi?

Passabile niente di più. Dal 1989, anno in cui si sono formati, non sono mai stati certamente sorprendenti. Se poi si ricorda che il loro primo album, Raped in their own blood è datato 1996 allora si fa presto a capire che tra l’altro loro fanno parte di quella seconda ondata death della particolarissima scena svedese, successiva in ordine di tempo e secondaria in ordine di qualità a quella che l’aveva preceduta e che venne formata da nomi quali Entombed, Grave, Dismember, Unleashed, Edge Of Sanity, Therion ecc. ecc. Però un loro album recente mi è particolarmente piaciuto. Si tratta di Carnage euphoria del 2009 dove i pezzi vanno via che è una meraviglia.

 Allora sopravvalutati?

Flavus: Né sopra né sotto, poco valutati direi appunto perché non hanno mai avuto niente di eccezionale anche se ci hanno provato a fondere il death americano con quello svedese ma le capacità e i mezzi sono stati quelli che sono stati. In ogni caso va riconosciuta loro onestà, coerenza e tanta dedizione. Leggi il resto di questa voce

SARAH JEZEBEL DEVA – “The Corruption Of Mercy” (Listenable)

Neanche qualche ora fa mi ha chiamato il grande capo e mi ha detto: “ti ho inviato i link per un paio di recensioni, siamo in ritardo fammele al volo”. A dirvela tutta queste occasioni d’emergenza mi hanno sempre stuzzicato, un pó come se fossi il Tom Cruise di Mission Impossible! Clicco sul link e parte il download. Alla fine mi ritrovo sul desk il secondo cd di quella silfide di Sarah Jezebel Deva, la balena che da anni fa la corista con i vari Cradle Of Filth e via discorrendo. Che vi devo dire di “The Corruption Of Mercy”? Niente di che se non che è il solito disco gothic metal con la ‘Pavarotta’ del caso alla voce, una specie di malsano incesto tra la merda e la cioccolata. Non manca qualche sporadico innesto finto black, ma parliamo veramente di puttanate di scarso valore. Un lato positivo peró questo cd lo possiede, sono onesto. Leggi il resto di questa voce