Annunci

Archivi Blog

Quando il vecchio metallo fa scuola: SAXON – “Unplugged And Strung Up” (UDR)

SaxonNon ho problemi nel dire che i Saxon alla fine degli anni ’80 erano una band finita. Ricordo che dopo la svolta pop di “Destiny” (album per me pregievole), un po’ tutti guardarono alla band inglese come ad un cadavere. Leggi il resto di questa voce

Annunci

Ce so rimasti solo i Saxon: che culo…

SaxonSo giorni veramente spenti qui a Brutal Crush, non c’é niente di stimolante, né uscite discografiche, né notizie sfiziose, na ceppa de cazzo, niente, vagina rasa. Leggi il resto di questa voce

“Volevamo vendere la Coca Cola agli americani”: i Saxon commerciali?

Saxon-1988-tourPrimavera del 1988: da ormai più di un anno nel mio stereo e nel mio fedele walkman transitano le cassette ed i primi vinili dei grandi eroi del metallo pesante e del hard rock, dai Maiden ai Black Sabbath passando per Scorpions, Dio, Led Zeppelin, AC/DC ecc … L’acquisto regolare delle riviste del settore e le frequentazioni dei negozi di dischi della zona mi portano a conoscere sempre nuovi nomi, fra i quali quello degli inglesi Saxon. Leggi il resto di questa voce

#4 This Is True Metal: Speciale Epic Metal!

Chi ascolta heavy metal, in un periodo imprecisato della sua crescita, ha puntualmente il suo momento ‘epic’, quello in cui sogna di draghi sputa fuoco per le caldarroste, elfi da usare come segugi per i tartufi, maghi produttori di nuove sostanze stupefacenti e fate da sodomizzare nel nome di Odino. Leggi il resto di questa voce

Rottamare o non rottamare? Questo è il dilemma!

Ok ok, qui non facciamo né vogliamo fare politica, ci mancherebbe, però voglio prendere spunto dal ‘motto’ di Renzi per chiedermi e chiedervi se non sarebbe il caso di rottamare un po’ di vecchiardi e dare più chance alla bella gioventù. Mi spiego meglio. Il rock è morto da anni, si ripete all’infinito riproponendo ciclicamente le stesse cose, il metal che è parte del rock non è certo da meno. Se fino ad un anno fa tutti sembravano avere riscoperto il piacere più putrido del vecchio death metal, oggi gli stessi hanno riscoperto il piacere di usare lo skate ed indossare i jeans stretti con questo thrash metal qua e thrash metal la. Che palle! Sapete che c’é? C’é che voi fruitori finali siete proprio delle puttane, ma delle puttane di bassa lega e senza cervello. Perché? Leggi il resto di questa voce

Speciale Napalm Records con GRAVE DIGGER, EX DEO, THE GRAVIATORS, SVOLK, DUST BOLT, STRIKER & LIV KRISTINE!

Poco tempo fa mi complimentavo con Aldo per la scelta del nuovo Musciagna come scribacchino. Una bella penna, forse poco ‘elastica’, ma di sicuro preparata. Allo stesso modo stavo supplicando il Capo di passarmi i contatti del Ceccamea. Francesco, dopo avere letto il tuo articolo su Bon Jovi, sono rimasto colpito dalla tua passione per lo scambismo, io ci sto, parliamone! Nel frattempo, sempre disteso qui sotto l’ombra delle querce marchigiane, mi sono ascoltato in una botta sola tutte le nuove releases della Napalm Records, eccovi il mio piccolo resoconto. Leggi il resto di questa voce

SAXON: beccatevi il nuovo video!

Quanto ci è piaciuto il nuovo album dei Saxon? Tanto, anzi tantissimo! Qui a Brutal Crush, almeno tra molti di noi, è diventato un ascolto quasi quotidiano. Leggi il resto di questa voce

#4 Brutal playlist of the week!

Chi l’avrebbe mai detto? Brutal Crush compie quattro settimane, un neonato abbastanza in forma direi visti i risultati! Bene, come sempre un grazie a voi tutti che ogni domenica, da casa, dal mare, dalla montagna o dalla toilette, venite a dare una sbirciatina alla nostra/vostra classifica, dico così perché Brutal Crush non lo facciamo noi che scriviamo, ma lo fate voi che leggete. In molti ci hanno scritto per ringraziarci e ci hanno chiesto chi di noi la scorsa settimana avesse votato per Tricky. Diciamo che qui abbiamo dei gusti molto vari, non ascoltiamo per forza di cose metal, perciò non vi stupite se ogni tanto troverete qualcosa fuori dal genere, ok? Senza offese, ma Brutal Crush vuole essere uno spazio il più libero possibile, qui non ci sono ragazzini invasati in cerca di vanagloria, soldi o interessi da tutelare, per noi l’unico motore è la passione, passione che trova la sua linfa nella libertà di fare come ci pare. Leggi il resto di questa voce

#3 Brutal playlist of the week!

Terzo appuntamento con la playlist della redazione più brutale del web! Aspettavate con ansia i nostri ascolti di questa settimana? Come noterete  non siamo costanti per quanto riguarda il quantitativo di dischi elencati, una volta possono essere 7, un’altra 3, dipende dalle settimane, dai nostri impegni e dalla voglia che abbiamo. Di sicuro siamo sicuri che non vi annoieremo mai! Molti ci hanno scritto chiedendoci perché continuiamo a proporre come immagine della playlist una scena tratta dal film Shaun Of The Dead (L’Alba Dei Morti Dementi). Semplicemente perché, oltre a trattarsi di un capolavoro, questa immagine cattura in pieno lo spirito zombesco di noi scribacchini, un po’ morti, un po’ vivi, un po’ dementi. Leggi il resto di questa voce

SAXON: il video di “Hammer Of the Gods”!

L’ultimo disco dei Saxon a noi di Brutal Crush è piaciuto veramente tanto, sarà pure roba vecchia, trita e ritrita, ma che ci volete fare, quando un disco suona così bene non te ne frega un cazzo, lo prendi e lo metti a ripetizione nel lettore senza mai stancarti. Aspettavamo con ansia la pubblicazione di questo video descritto dallo stesso Biff come un’opera spettacolare. Siamo rimasti contenti? Insomma, il risultato è un po’ una puttanata, con loro che suonano arroccati sopra una mezza scogliera ed il figlio di Biff che, con tanto di t-shirt dei Metallica, conficca nella sabbia alcuni piatti della batteria… Alla fine chi se ne frega, quello che ci piace è il brano: spettacolo! Leggi il resto di questa voce

SAXON – “Call To Arms” (Emi)

I Saxon sono grandi, non ci sono parole migliori per descriverli in tutta la loro magnificenza! Da più di 30 anni continuano senza remore ad andare avanti, tra momenti di grande gloria ed altri meno fortunati. L’unico mio dispiacere è che i migliori Saxon sono quelli degli ultimi 14 anni, da quando vide la luce forse uno dei dischi più belli della storia del metal, “Unleash The Beast”, roba da fare scapocciare anche quelli con i gusti tra i più brutali! Questi Saxon, passando per “Metalhead” fino al qui presente “Call To Arms”, poco c’entrano con la band hard rock degli anni ottanta, fortunatamente. Se album come il debutto del 1979, “Wheels Of Steel” e “Strong Arm Of The Law” e “Crusader” sono dei classici, dei compendi di come doveva essere suonato l’hard rock più robusto (il metal era un’altra cosa, lo suonavano i Maiden , gli Angel Witch, i Mercyful Fate ed i Priest, non date retta a qualche finto vecchio scribacchino che da 48 ore collabora con qualche web zine, parliamo di perfetti imbecilli), è anche vero che dischi come “Denim And Leather”, “Power And The Glory”, “Innocent Is No Excuse” e “Rock The Nations” furono universalmente considerati delle merde, non dischetti mediocri, proprio delle merde, ne più ne meno. Leggi il resto di questa voce

SAXON: i dietro le quinte di “Call To Arms”!

Oltre alle recensioni, il buon Aldo mi ha affidato l’aggiornamento saltuario di Funny Bloody Stuff, figo! Con cosa partire miei affezionatissimi lettori, anche se spero che mi seguano solo o più lettrici? Oggi vi proponiamo due video che documentano alcuni dei momenti più belli dei dietro le quinte del nuovo “Call To Arms” dei Saxon, album che ha da pochissimo recensito il grande capo e la cui pubblicazione è imminente. Dalla regia ci dicono che è un bel disco, un album senza pretese che fa il suo dovere, noi ci crediamo, in fondo band come i Saxon sono una specie di garanzia, sai cosa compri e sai cosa ascolti. Leggi il resto di questa voce