Annunci

Archivi Blog

In fondo a noi non ci sta mai bene un cazzo! – Rotting Christ – Κata Τon Daimona Εaytoy (Season Of Myst, 2013)

Parliamoci chiaro: a noi, non ci sta mai bene un cazzo! Se un gruppo cambia radicalmente genere e attitudine, gridiamo al tradimento, se rimane troppo ancorato al disco precedente, ci assale il panico da riciclaggio di brani scartati, se cambia line-up, siamo già pronti col coltello tra i denti a schierarci in favore dell’escluso, millantando conoscenze tecniche e stilistiche figlie di preconcetti atavici e adolescenziali. Siamo i figli del compromesso storico, del “se non ora quando”, della disperazione discendente dalla crisi, siamo i figli di quelli che avevano un’ideale e che si sono trovati di tanto così a dare il voto a Grillo, di contestare tutto e tutti perché diamo per scontato che prima era meglio, che si stava meglio quando si stava peggio, che la bonifica dell’agro pontino sia stata una grande svolta per il nostro paese, riusciamo a dire che l’Eur sia un magnifico esempio di architettura razionale, nonostante tessiamo le lodi dei fasti di imperiale memoria di cui andiamo fieri, nonostante tutto. Leggi il resto di questa voce

Annunci

#1 Brutal News: tutte le novità della settimana e non solo!

Metallica-Quebec-MagneticEra da un po’ che se ne parlava da queste parti, come catalizzare al meglio le novità più importanti di un periodo temporale senza intasare il blog con post su post, però con il solito piglio, un po’ cazzarone ed un po’ dissacrante. Alla fine il Capo ha deciso di tirare fuori una specie di rassegna stampa settimanale dove in pillole vi riassumiamo un po’ tutto quello che c’é da raccontare, ma alla nostra maniera! Siete pronti? Leggi il resto di questa voce

WARBRINGER – “Worlds Torn Asunder” (Century Media)

Raga, ci sono case discografiche che proprio non ho mai capito, cazzo. La Century Media è stata una delle più importanti label della storia del metal estremo, tra i vari ha prodotto gente come gli Arcturus, gli …And Oceans, i Tiamat, gli Emperor, i Rotting Christ, i The Gathering e via discorrendo fino ad arrivare all’ultimo bellissimo disco dei Celtic Frost. Resta però il fatto che nel corso degli ultimi dieci anni circa ha perso quel tiro che l’aveva resa unica. Se prima potevi riconoscere un disco prodotto dalla Century Media ad occhi chiusi, oggi non è più così. Oggi moltissime delle loro produzioni si confondono nella massa, questo a mio avviso non tanto da quando sono entrati a fare parte del gruppo EMI, ma da quando hanno iniziato a fiutare l’odore dei soldi con gente come i Lacuna Coil (che fine hanno fatto?) ed il pugna metal, o metal della pugnetta, quel metal in cui l’apparenza viene prima della sostanza e dove le faccine velatamente erotiche della Scabbia e della Gossow valgono migliaia di euro, o almeno tanto valevano prima dell’avvento di YouPorn ed iTunes. Leggi il resto di questa voce