Annunci

Archivi Blog

Il metal deve ringraziare Mr. Zuckerberg? Maybe…

Facebook_Metal_LogoSiamo in un sito che parla principalmente di heavy metal, perciò è ovvio che ogni nostra discussione ha questo genere musicale come filo conduttore. Leggi il resto di questa voce

Annunci

C’é chi confonde la merda con la cioccolata: il nuovo disco degli HELL non è prodotto dalla Nestlé

hell-curse and chapterDopo un periodo de stanca, ma proprio stanca nel senso che stavo in depressione lavorativa scorticante scrotale, torno tra di voi e per voi con il nuovo disco di una band tanto sfigata quanto amata senza un perché, gli Hell. Leggi il resto di questa voce

Ce so rimasti solo i Saxon: che culo…

SaxonSo giorni veramente spenti qui a Brutal Crush, non c’é niente di stimolante, né uscite discografiche, né notizie sfiziose, na ceppa de cazzo, niente, vagina rasa. Leggi il resto di questa voce

I sani passatempi di una volta: NOCTURNO CULTO’S GIFT OF GODS – “Receive” (Peaceville)

nocturno culto gift of godsCome da titolo, il debutto solista di Nocturno Culto dei Darkthrone va inteso come un sano passatempo di quelli di una volta. Leggi il resto di questa voce

#2 A me me piace, il disco che gli Helloween non fanno dal 1991: UNISONIC – “Unisonic” (earMusic)

Unisonic - Unisonic[13-07-41]A chi non mancano gli Helloween del periodo Kiske, magari con Hansen alla chiatarra? Penso a tutti quelli che hanno vissuto con entusiasmo il grande heavy metal delle zucche ed ancora oggi conserva gelosamente e con orgoglio i due “Keeper…”. Leggi il resto di questa voce

RICK RUBIN: il produttore di Slayer, Metallica ed Ac/Dc, nell’ultimo video di Eminem in versione hip hop!

rick bubin-eminemForse non tutti sanno che il più grande produttore della storia dell’heavy metal, quello che ha firmato, tra i vari, tutti i classici degli Slayer ed i capolavori di Danzig tanto per intenderci, ha da sempre una passione mai nascosta per il rap, suoi sono i bellissimi dei Run Dmc, “License To III” dei Beastie Boys  e, come da titolo, l’ultimo album di Eminem, “The Marshall Mathers II” (citiamo solo i più noti). Leggi il resto di questa voce

1# Lo chiamavano trash, i fenomeni da baraccone che ci mancano tanto: che fine ha fatto THOR?

thorChi ha detto che per rimanere nella storia del rock, o del metallo per quanto ci riguarda, devi essere per forza un genio dal talento spropositato? I Manowar sono lì a ricordarci che non è vero! Leggi il resto di questa voce

1# Messaggi subliminali, se li conosci li eviti: JUDAS PRIEST – “The Ripper”

Judas PriestPer anni le mamme anti rock, i preti ed i bigotti di mezzo mondo hanno dichiarato guerra al metallo ed ai suoi testi definiti spesso satanici, se non peggio. Non possiamo dimenticare i due famosi casi che hanno coinvolto Ozzy Osbourne ed i Judas Priest, entrambi accusati di avere istigato al suicidio dei giovani imbecilli. Ok, questo è quello che si poteva pensare una volta, quando prima dell’arrivo di Brutal Crush si voleva dare un senso almeno macabro alle lyrics dei nostri eroi, ma adesso è arrivato il momento di dire la verità. Leggi il resto di questa voce

#5 This Is True Metal: i dischi più cult che il metallo ci ha regalato negli anni ’80!

heavy_metal_maniacDite la verità, vi è mancata la vostra rubrica old fashioned preferita? Su, siate sinceri, è stato un po’ come averci preso gusto con la milf dei propri sogni ed averla persa di vista all’improvviso. Non vi preoccupate, siamo e sono tornato! Potevo non regalarvi una bella sfornata di chicche prima maniera per accompagnare i vostri bollori estivi? Leggi il resto di questa voce

#2 Benedetta’s Metal Kitchen: Pennette Hot For Love

Pennette Hot For LoveVi è piaciuto il dessert della scorsa volta? Bene, è arrivato il momento di passare ad un primo piatto di quelli che potremo definire ‘piccanti’, molto hot più per gli effetti che provocano che per chissà quali quantità di peperoncino! Leggi il resto di questa voce

Vi ricordate i Running Wild? Rock’N’Rolf è tornato: GIANT X – “I” (Spv)

giant_xQuando un album non è proprio bellissimo e non ci interessa neanche così tanto parlarne, qui a Brutal Crush semplicemente non lo recensiamo, lo sanno bene gli addetti ai lavori per primi. Diciamo che abbiamo voluto portare avanti una politica tutta nostra, si recensisce ciò che vale la pena, il resto si scarta. Leggi il resto di questa voce

I 25 cantanti hard rock ed heavy metal più ricchi del mondo!

angus_youngSiete mai stati curiosi di sapere esattamente quanto guadagnano i vostri eroi? O magari semplicemente verificare se il grande rock paga ancora e paga bene, abbastanza da giustificare le vostre speranze di salire sul palco del Sonisphere per cantare a squarcia gola quei brani che provate da anni in garage con gli amici, magari circondati da mandrie di ragazzine scatenate e disposte a tutto pur di avere una foto con voi da piazzare su Facebook? Leggi il resto di questa voce

#1 Benedetta’s Metal Kitchen: le ricette più heavy per palati di metallo!

Metal KitchenVi siete mai chiesti qual’é il cibo più adatto ai vostri palati oltranzisti e brutali fatti di metallo incandescente? Vi siete mai chiesti con quale brano accompagnare un piatto di fettuccine, una bresaola con rughetta e parmigiano, o un filetto al pepe verde? Bene, da oggi i vostri dubbi saranno solo un ricordo! Grazie all’arrivo della nostra nuova collaboratrice, Benedetta Kakko, da oggi finalmente conoscerete i segreti culinari del metallo, roba pregiata che potrete utilizzare per stupire la/il vostra/o partner, o anche solo organizzare uno spuntino veloce ma gustoso con gli amici che puntualmente alzeranno le corna al cielo urlando a gran voce “metallooo!!!”… Leggi il resto di questa voce

Voi chi preferite, Mercyful Fate o King Diamond?

Mercyful_FateE’ bizzarro, la sera di Capodanno sono stato assalito da questo dubbio amletico. Mentre con Aldo, Roberto ed altri presenti si beveva e si parlava del più e del meno ascoltando cose come Raffaella Carrà, The Trammps e Cannabis Corpse, andato in bagno a svuotare il biscione mi sono chiesto: “David, preferisci King Diamond o i Mercyful Fate?“. Leggi il resto di questa voce

Brutal playlist of the year, i dischi più belli del 2012 e non solo: la parola allo staff (Crushers of the Dead)!

Crushers Of The DeadCome ogni anno è arrivato il momento in cui la parola passa allo staff che, tra risposte a domande improponibili e foto segnaletica, diventa protagonista per un giorno. In fondo è anche giusto così, non trovate? Allo stesso tempo questo è anche il momento in cui vi ringraziamo per il vostro affetto, un affetto che ci dimostrate con le vostre tantissime mail, per come avete fatto crescere il nostro gruppo su Facebook e con le vostre visite quotidiane, siete grandi ragazzi! Leggi il resto di questa voce

“Volevamo vendere la Coca Cola agli americani”: i Saxon commerciali?

Saxon-1988-tourPrimavera del 1988: da ormai più di un anno nel mio stereo e nel mio fedele walkman transitano le cassette ed i primi vinili dei grandi eroi del metallo pesante e del hard rock, dai Maiden ai Black Sabbath passando per Scorpions, Dio, Led Zeppelin, AC/DC ecc … L’acquisto regolare delle riviste del settore e le frequentazioni dei negozi di dischi della zona mi portano a conoscere sempre nuovi nomi, fra i quali quello degli inglesi Saxon. Leggi il resto di questa voce

Vuoi scrivere su Brutal Crush? Cerchiamo proprio te (se sei donna)!

BrutalCrushGirlMesso così sembra un annuncio per la ricerca di una escort, ma non lo è, tranquille, con questa crisi è impossibile. La verità è che dopo ore di discussione, mentre pianificavamo la playlist di fine anno, ci siamo contati ed abbiamo notato la scarsa presenza di gentil sesso fra noi. Così, giusto per non sembrare maschilisti più di quanto già non siamo, abbiamo deciso di caricarci sulla barca una e dicasi una sola temeraria tra voi donne. Leggi il resto di questa voce

Te li ricordi gli ANVIL? Due parole riguardo un piccolo mistero del metallo

Ci sono band che hanno avuto poca fortuna non a caso, gente come il mio amatissimo Lips ancora campa dei rimasugli di gloria del riuscitissimo “Metal On Metal”, secondo i maligni una botta di culo pazzesca. Io sono uno di quelli convinti che, per quanto non eccezionali, gli Anvil non siano stati peggio di molti altri, così come penso che ogni buon amante del metallo, per definirsi tale, dovrebbe possedere a casa una copia fottutamente originale, in cd, mc o lp, proprio di “Metal On Metal”, uno dei pochi dischi di puro metallo fatto di metallo. Leggi il resto di questa voce

Nostaligici dei seventhies o del power americano? VICIOUS RUMORS VS VOID OF SLEEP

Partiamo senza paura con un live che non lascia spazio a dubbi di sorta, preciso, potente e veloce, in perfetto stile Vicious Rumors, “Live You To Death”. Il nuovo frontman, Brian Allen, non fa rimpiangere i vecchi fasti di un gruppo che non è mai esploso commercialmente ma che è sempre stato in prima linea nel panorama metal e power metal (ad eccezione del molto criticato intermezzo hard rock del deludente cd omonimo datato 1990). Leggi il resto di questa voce

IRON MAIDEN: cerchi casa? Tranquillo, te la vende Steve Harris!

Se per caso qualcuno si fosse mai chiesto che fine avessero fatto tutti i soldi che ha speso per comprare le varie edizioni ultra limitate dei dischi degli Iron Maiden, da oggi ha una risposta. Il buon Steve Harris, probabilmente a causa della crisi economica che non perdona veramente nessuno, rock star incluse, ha messo in vendita la sua modestissima villa di Sheering, a due passi da Londra. Leggi il resto di questa voce

#4 This Is True Metal: Speciale Epic Metal!

Chi ascolta heavy metal, in un periodo imprecisato della sua crescita, ha puntualmente il suo momento ‘epic’, quello in cui sogna di draghi sputa fuoco per le caldarroste, elfi da usare come segugi per i tartufi, maghi produttori di nuove sostanze stupefacenti e fate da sodomizzare nel nome di Odino. Leggi il resto di questa voce

Giornalisti metal italiani: i ‘meglio’ di sempre?

Il destino è beffardo, poco tempo fa ho scritto un articolo sulla questione del ritorno del thrash metal, che a mio avviso ha  esaurito ogni senso, ed uno dei miei guru della gioventú, Luca Signorelli, mi ha aspramente criticato nella nostra pagina Facebook, ma non me ne dispiaccio, mi sento comunque onorato perché mi ha degnato della sua attenzione. Leggi il resto di questa voce

Anche alla sua età, cazzo se merita: DORO – “Raise Your Fist” (Nuclear Blast)

Non ho 50 anni e non voglio essere il paladino del vecchiume, ma di fatto il Capo da un po’ di tempo mi affida roba delicatamente ‘anzianotta’, voglio però che tutti i lettori e le lettrici in particolar modo sappiano che non sono un ‘matusa’, anzi. Detto questo, che vi devo dire sul nuovo disco della mia biondina preferita dai tempi delle medie? Settimane fa Aldo scrisse un’eccellente recensione dell’ep che ha preceduto questo disco, in poche righe analizzò nel migliore dei modi una carriera tutto sommato mediocre che ha visto un filo di luce solo nei suoi momenti più pop. Leggi il resto di questa voce

Rottamare o non rottamare? Questo è il dilemma!

Ok ok, qui non facciamo né vogliamo fare politica, ci mancherebbe, però voglio prendere spunto dal ‘motto’ di Renzi per chiedermi e chiedervi se non sarebbe il caso di rottamare un po’ di vecchiardi e dare più chance alla bella gioventù. Mi spiego meglio. Il rock è morto da anni, si ripete all’infinito riproponendo ciclicamente le stesse cose, il metal che è parte del rock non è certo da meno. Se fino ad un anno fa tutti sembravano avere riscoperto il piacere più putrido del vecchio death metal, oggi gli stessi hanno riscoperto il piacere di usare lo skate ed indossare i jeans stretti con questo thrash metal qua e thrash metal la. Che palle! Sapete che c’é? C’é che voi fruitori finali siete proprio delle puttane, ma delle puttane di bassa lega e senza cervello. Perché? Leggi il resto di questa voce

#2 This is True Metal: i dischi più cult che il metallo ci ha regalato negli anni ’80!

Visto il successone imprevisto della prima puntata (adoro questo linguaggio televisivo), sono ben lieto di presentarvi una seconda carrellata di uscite ‘cult’ degli anni ’80, dischi polverosi e sporchi, maleodoranti di pelle e borchie che la mia collezione ha ingoiato e dimenticato tra chili di polvere e ricordi andati a farsi benedire. Siete pronti? Ok, allora fatemi recuperare il mio giacchetto di jeans senza maniche con la toppona dei Tank e si parte! Leggi il resto di questa voce

I’m not a number, i’m a free lion: STEVE HARRIS – “British Lion” (EMI)

Tempo fa, all’epoca dell’annuncio del primo e mai immaginato album solista di Harris, contestualmente al comunicato stampa della EMI ci siamo posti svariate domande, ma una su tutte ci ha tolto il sonno: sarà questo disco in grado di darci una chiara risposta sul perché del decadimento artistico dei Maiden? Oggi, dopo un attento ascolto, possiamo dire che la risposta è si. Il saggio dice che il senno del giorno dopo è l’unica scienza perfetta, mai come in questo caso un brocardo è stato più calzante. “British Lion” è un disco spettacolare che nulla ha a che fare con le nenie trita genitali degli ultimi Iron, è l’esatto opposto. Leggi il resto di questa voce

GIBSON.COM e le sue classifiche fatte con il culo

Ok, da anni siamo abituati a subire le classifiche fatte letteralmente con il culo da giornali patinati che sono di un’indecenza intollerabile. Quante volte ci è capitato di leggere cazzate come ‘i 100 dischi più importanti della storia del rock’ e trovare tra i primi 10 nomi band inimmaginabili come White Stripes, Killers o The Intenational Noise Conspiracy? Non ci credete? Vi dico solo che uno stranoto magazine italiano (uno di quelli che in copertina ti mette la rockstar e poi dedica una cosa come 15 pagine ai problemi tra la Canalis ed il nuovo fidanzato) qualche anno fa citò proprio questi tre nomi tra i primi 10 della top 100 di cui sopra. Certo, siamo onesti, l’unica cosa che veramente ci procura rabbia è che questa gente è profumatamente pagata per scrivere tali panzanate megalitiche. Ad ogni modo, fino a quando lo scempio si ferma alle riviste più o meno trash/finto musicali va bene, fa parte del gioco, ma che un sito come Gibson.com emuli certa gentaccia è ridicolo. Leggi il resto di questa voce

L’heavy metal è di destra o di sinistra? Di sicuro in America il death metal fa molto Repubblicano!

Quando gli Stati Uniti vivono il periodo della campagna elettorale per la nomina del nuovo Presidente, dobbiamo veramente aspettarci di tutto, sono americani, non conosco limiti, qualunque frase, pensiero, azione serve per guadagnare consensi e battere l’avversario, tutto è studiato in modo matematico, infallibile oserei dire. Leggi il resto di questa voce

Speciale Napalm Records con GRAVE DIGGER, EX DEO, THE GRAVIATORS, SVOLK, DUST BOLT, STRIKER & LIV KRISTINE!

Poco tempo fa mi complimentavo con Aldo per la scelta del nuovo Musciagna come scribacchino. Una bella penna, forse poco ‘elastica’, ma di sicuro preparata. Allo stesso modo stavo supplicando il Capo di passarmi i contatti del Ceccamea. Francesco, dopo avere letto il tuo articolo su Bon Jovi, sono rimasto colpito dalla tua passione per lo scambismo, io ci sto, parliamone! Nel frattempo, sempre disteso qui sotto l’ombra delle querce marchigiane, mi sono ascoltato in una botta sola tutte le nuove releases della Napalm Records, eccovi il mio piccolo resoconto. Leggi il resto di questa voce

#1 This is True Metal: i dischi più cult che il metallo ci ha regalato negli anni ’80!

Certe volte l’aria della campagna marchigiana fa brutti scherzi. Sarà il vino, saranno i formaggi, i sapori del pane cotto a legna, i salumi, non lo so, però questo è quel periodo dell’anno in cui per certi versi regredisco e torno sedicenne. Allora vado con la testa ai ricordi, a quando indossavo rigorosamente il mio giacchetto di jeans senza maniche con la toppona dei Tank sulla schiena, ascoltavo tutto il giorno “In The Sign Of Evil” dei Sodom e, le poche scopate che mi facevo, erano puntualmente con dei cessi indefinibli. Erano gli anni ’80, ero poco più che quindicenne. Me ne andavo a zonzo per Roma con il mio Specialino 50, che tempi. Leggi il resto di questa voce