Archivi Blog

1# Le band più sfigate della storia del metal: ANVIL!

anvil-robb-lipsDico, ma vi rendete conto quante band sfigate abbiamo visto e sentito dal 1980 ad oggi? Cazzo, è un’ecatombe, solo a parlarne viene da grattarsi le palle. A conti fatti penso che questa rubrica durerà un bel po’, di nomi da ricordare ce ne sono a strafottere. Ho deciso di iniziare con una band che mi è sempre stata simpatica, ma che ha fatto veramente una carriera demmerda, gli Anvil! Leggi il resto di questa voce

MOTLEY CRUE: si ritirano dalle scene… Ops, come mi dispiace…

MotleyCrue81Vince Neil avrebbe annunciato che i Motley si sarebbero ritirati definitivamente dalle scene, se la notizia fosse vera sarebbe da festeggiare co zoccole e birra Moretti. Lo scrivo senza vergogna e senza temere le solite minacce di ritorsioni der cazzo che ogni giorno mi arrivano a fiumi, i Motley Crue sono sempre stati la mediocrità assoluta. Leggi il resto di questa voce

Italians do it better: il pietoso look delle metal band italiane di un tempo

Tamarro_con_denti_e_collane_d'oroL’Italia è stata sempre la patria della moda, dell’alta moda, ma nella realtà gli italiani so sempre stati un popolo de boiaccari, almeno a livello tamarro underground. Se i turisti che affollano le nostre belle città, anche solo per caso avessero incrociato qualche band metal nostrana, penso che avrebbero avuto dei dubbi sul rinomato gusto del Bel Paese. Leggi il resto di questa voce

#5 This Is True Metal: i dischi più cult che il metallo ci ha regalato negli anni ’80!

heavy_metal_maniacDite la verità, vi è mancata la vostra rubrica old fashioned preferita? Su, siate sinceri, è stato un po’ come averci preso gusto con la milf dei propri sogni ed averla persa di vista all’improvviso. Non vi preoccupate, siamo e sono tornato! Potevo non regalarvi una bella sfornata di chicche prima maniera per accompagnare i vostri bollori estivi? Leggi il resto di questa voce

Amarcord a colpi di Hair Metal!

1987. Mentre Gorbaciov rinnova la Madre Russia in Italia siamo alle soglie di una vera crisi di governo, un governo che stava gettando le basi per il suo imminente declino. Ma noi eravamo troppo piccoli per capire., Intanto una manciata di eroi italiani combatte una guerra impari contro uno dei mali più grandi del secolo, e nel giro di cinque anni avrebbero perso tutti la vita. Leggi il resto di questa voce

Il thrash metal ci ha rotto le palle, o no?

Come tutti sanno, in questo angoletto che Aldo mi ha prestato per dare libero sfogo a qualsiasi cazzata mi venisse in mente, non ho mai lesinato parole pesanti ed altra robaccia per cui alcuni puritani si sono scandalizzati di sovente. Siamo metallari o borghesucci con il cappottino della Foy che la sera scapocciano con i Morbid Angel di “Radikult”, mentre il giorno appena sentono la parola ‘stronzo’ inneggiano alla Santa Inquisizione? Leggi il resto di questa voce

Se a Natale vuoi fare un regalo a tuo figlio, non c’é niente di meglio di un bel bambolotto, magari: La Bambola Assassina (Child’s Play) – 1988, U.S.A.

Ho scoperto nelle ultime ore che Francesco Ceccamea ha lasciato la baracca per l’arrivo di un nuovo pargolo, a lui vanno i miei migliori auguri, anche se in ritardo, nella speranza che torni presto dalle nostre parti perché non mi dispiacevano le poche cose che leggevo di lui. Ispirata da Francesco, oggi dedico ai più piccoli questo spazio, o sarebbe meglio dir che lo dedico ai genitori, chiamiamolo ‘un sanguinolento consiglio per gli acquisti’. L’America degli anni ottanta, in ambito horror, è stata contemporaneamente due cose: 1) la madre degli horror più geniali di sempre; 2) la madre degli horror più demenziali di sempre. Leggi il resto di questa voce

Mettiamoci una pietra sopra: CRADLE OF FILTH – “The Manticore And Other Horrors” (Peaceville)

Non sono mai stato uno di quelli che per partito preso ha criticato i Cradle Of Filth, semplicemente mi sono limitato di volta in volta all’ascolto. Non vi nascondo che, se ai tempi di “The Principle…” l’entusiasmo era alle stelle, tutto ciò che incisero dopo l’eccellente “Cruelty…”, escludendo il buono “Damnation…” e l’ottimo “Godspeed…”, mi ha lasciato l’amaro in bocca. Leggi il resto di questa voce

FORGOTTEN TOMB: fate del male a voi stessi e agli altri…

Intervistare i Forgotten Tomb, anche per uno che non ha problemi di conversazione come me, non è mai un’esperienza facilissima. Sarà perché ti piacciono e non vuoi fare la figura del piccolo esaltato quattordicenne, o sarà che fondamentalmente non sono mai stato un amante delle interviste in sé, però questi ragazzi ti lasciano sempre con quel punto interrogativo in testa alla fine di ogni chiacchierata, quel dubbio che ti fa chiedere se gli hai chiesto veramente tutto. Leggi il resto di questa voce

Meglio le cover dei Motorhead o del sano ed inedito grind core? A voi la scelta: FINGERNAILS VS NOISEAR!

Giusto per iniziare con chiarezza ed onestà, lo ammetto, in gioventù sono stato un fottutissimo esterofilo, e con questo? Non mi sono mai vergognato nel dire che in Italia, escludendo qualche rarissimo caso come potevano essere i siciliani Sinoath e pochissimi altri, non abbiamo mai prodotto metallosamente un cazzo che valesse quanto fatto fuori dai nazionali confini. Se poi ci mettete che non sono assolutamente uno di quei cerebrolesi che per patriottismo al limite del più stupido fascismo difende a tutti i costi ciò che produciamo perché italiano, fatevi due conti su come la penso. I Fingernails, di cui in passato abbiamo parlato in modo abbondante tra queste pagine, li conosco vecchi. Leggi il resto di questa voce

#2 This is True Metal: i dischi più cult che il metallo ci ha regalato negli anni ’80!

Visto il successone imprevisto della prima puntata (adoro questo linguaggio televisivo), sono ben lieto di presentarvi una seconda carrellata di uscite ‘cult’ degli anni ’80, dischi polverosi e sporchi, maleodoranti di pelle e borchie che la mia collezione ha ingoiato e dimenticato tra chili di polvere e ricordi andati a farsi benedire. Siete pronti? Ok, allora fatemi recuperare il mio giacchetto di jeans senza maniche con la toppona dei Tank e si parte! Leggi il resto di questa voce

Speciale METAL ON METAL RECORDS: quando la parola “true” ha un senso!

Detesto con tutto me stesso le facili catalogazioni, così come detesto coloro i quali per tutta una vita restano legati con mani e piedi ad uno stile o a un’idea per quella puttanata cosmica che si chiama coerenza, il sale dell’imbecillità. Un uomo che non muta, per me è un’esistenza inutile. Ci sono però volte in cui subisco indefesso il fascino della coerenza del più bieco tra gli esseri deambulanti, il defender. Con quelle espressioni ebeti, le toppe dei Sodom e la classicissima macchietta di sperma che traspare accanto alla zip dei jeans, sono l’emblema del peggio, però cazzo la loro musica ha un suo perché. Leggi il resto di questa voce

STEEL PANTHER: beccatevi il nuovo video!

Gli Steel Panther sono tra le più divertenti realtà musicali venute alla luce negli ultimi anni. Questi ragazzi hanno fatto degli stili e stilemi più tamarri del metal anni ottanta i loro punti di forza divenendo una sorta di burla delle band glam della vecchia Los Angeles tanto per intenderci. Il loro nuovo album, “Balls Out”, di cui a breve parleremo, non ci ha convinti poi tanto, ma quel che conta quando si parla di questa band è l’attitudine cafona e scopereccia. Leggi il resto di questa voce